Il Raggio Verde della Chiesa del Soccorso a Forio d’Ischia

Leggenda o realtà? Come e quando è possibile riuscire a vederlo? Partiamo in viaggio verso il raggio verde di Forio.

Fin dagli albori del tempo, l’uomo ha sempre vissuto a stretto contatto con la Natura, vera e unica artefice di vita. Questo connubio, profondamente intenso e viscerale, non è stato, tuttavia solo di tipo utilitaristico. Il genere umano, di fatti, ha sempre visto con occhi curiosi e carichi di amore per la conoscenza i grandi misteri che la Natura ci mostra ogni giorno.
Anche se ormai ben noti dal punto di vista puramente scientifico, taluni fenomeni conservano ancora oggi quell’alone di arcana imperscrutabilità che tanto fu caro alle antiche popolazioni e a una lunga schiera di romantici artisti, votati alla consacrazione del bello attraverso l’infinita forza generatrice di tutto il Creato.

Quello del raggio verde è, in assoluto, uno dei fenomeni naturali più rari e sorprendenti del mondo.
Visibile unicamente dalla suggestiva terrazza della Chiesa del Soccorso a Forio (Ischia) e solo in alcuni periodi dell’anno, il raggio verde è, in realtà, un’esperienza sensoriale che coinvolge non solo i più reconditi meandri dell’animo umano, ma anche cultura, storia e tradizioni popolari di ogni tipo.
Scopriamoli insieme in questo fantastico viaggio alla scoperta del raggio verde e delle bellezze di Forio.

RAGGIO VERDE: UN PASSO INDIETRO E POI TUTTO AVANTI
“Se c’è del verde in Paradiso, allora è certo che il verde è il vero colore della Speranza”, così lo scrittore francese Giulio Verne descriveva il raggio verde nel suo romanzo “Le Rayon Vert” (“Il Raggio Verde”) nel lontano 1882.
Prima di allora, molti altri scrittori e pittori avevano cercato disperatamente di carpire la vera essenza del raggio verde.

A questo fenomeno sono stati attribuiti numerosissimi significati, tutti imbevuti di poetico sentimentalismo.
Le popolazioni celtiche, ad esempio, ritenevano che il raggio verde avesse proprità magiche: se una persona avesse avuto la fortuna di scorgerlo, avrebbe assunto la capacità non solo di vedere con chiarezza nel proprio cuore, ma anche in quello degli altri.
Chiesa del Soccorso al Tramonto - Forio d'Ischia
Similari aspetti rivelatrici permeano anche nella tradizione autoctona di Forio. Secondo la gente del posto, di fatti, per poter vedere il raggio verde occorre avere la mente sgombra da pensieri negativi e l’animo in quieta pace, cristallino come l’acqua del mare che fa da cornice alla splendida Chiesa del Soccorso e alla rigogliosa natura circostante.
Data la sua particolare rarità, per secoli si è ritenuto che il raggio verde fosse frutto della fantasia e della suggestione di molti, nient’altro che una delle tante leggende che caratterizzano la controversa storia dell’umanità.

LUCI E COLORI: IL FENOMENO DEL RAGGIO VERDE
Affacciandosi sulla terrazza della Chiesa del Soccorso a Forio, la nostra fantasia viene immediatamente catturata da una serie di immagini senza tempo.
Il raggio verde, che attraversa i nostri sguardi per pochi secondi, salvo poi inabissarsi nell’immensità del mare, è indubbiamente uno dei fenomeni atmosferici più affascinanti della terra.

Quella del raggio verde è una manifestazione atmosferica che nasce da complessi giochi di luci e di colori.
Il fenomeno naturale del raggio verde è visibile unicamente all’alba o al tramonto, su di un orizzonte ampio, basso e regolare (come quello del mare) e solo in condizioni climatiche particolarmente favorevoli (cielo limpido e niente foschia).
Quando il sole si trova quasi completamente sotto la linea dell’orizzonte è possibile osservare la formazione di un bordo verde attorno all’astro che dura solo qualche istante. In seguito, strisce di colore verde si uniscono fino a formare un unico fascio verdastro.
Raggio Verde al Tramonto - Chiesa del Soccorso - Forio d'Ischia
Nel momento stesso in cui questa singolare manifestazione atmosferica scema fino quasi a svanire nel nulla, viene solitamente percepito un flebile bagliore di colore verde, proveniente da sotto l’orizzonte, proprio dove è calato o è sorto il sole. Tale bagliore riesce a illuminare lievemente il cielo, dando come l’impressione di scorgere in lontananza la luce rassicurante di un faro di Speranza.

RAGGIO VERDE: LA LUCE ECLETTICA DI FORIO
Nel visitare la deliziosa cornice paesaggistica di Forio, a Ischia, l’osservatore più attento si accorge ben presto che questa meta riserva molto più di un, se pur raro, gioco di luci e colori all’orizzonte.
Il raggio verde trova presso la Chiesa del Soccorso una collocazione squisitamente totalizzante che va ben al di là di una semplice questione di latitudine e longitudine.
Il raggio verde di Forio, visibile dalla romantica terrazza della Chiesa del Soccorso, è un’esperienza eclettica che abbraccia tutti gli aspetti caratterizzanti del posto: dalle antiche tradizioni, alla cultura, all’arte, fino a toccare le delicate corde della fede religiosa.
Quella del Soccorso non è una chiesa “egemonica”, votata a un culto del tutto ascetico. L’edificio, piccolo e raccolto, con i suoi muri bianchi e candidi, perfettamente lisci e baciati dal caldo sole del Mediterraneo, comunica sopratutto con l’uomo e con l’ambiente circostante.

Si narra che a Forio la Madonna della Chiesa del Soccorso prese le difese del figlio, ancora in fasce, sconfiggendo il Male che tentava di insinuarsi nei loro cuori.
La speranza, l’amore per la vita, la pace e la tranquillità del tocco materno sono tutti iscritti e riassunti proprio nell’intimo e rilassante contesto della Chiesa del Soccorso.
Le acque cristalline che ogni giorno bagnagno incessantemente i piedi di questo luogo sacro simboleggiano la purezza, mentre il raggio verde, con il suo colore altamente simbolico, rappresenta la fiducia verso un futuro migliore.
La stessa chiesa racchiude in sé tutta la storia dell’umanità e lo fa attraverso un’elegante “danza” artistica di stili diversi (dal grecobizantino al moresco), tutti fusi in armoniche forme votate alla semplicità e alla sobrietà.
Le maioliche, presenti nell’edificio, sono un’esplosione di colori e di pulsante energia vitale.
Il potente connubio tra popolo, cultura, religione e Natura trova la sua espressione massima proprio nel raggio verde di Forio.
E’ proprio tramite il raggio verde che l’occhio umano si abitua ad osservare con attenzione i mirevoli mutamenti dell’ambiente.

La ricerca spasmodica di quel lontanissimo faro di Speranza, con quella sua flebile e inafferrabile luce di smeraldo sensibilizza l’animo a comunicare con la Natura benevola del territorio.
Forio, immersa in un perfetto panorama mediterraneo, è, prima di tutto, una cartolina verde.
La popolazione locale vive in simbiosi con la Natura; i lussureggianti giardini di Poseidon, La Mortella e Villa Ravino sono la somma celebrazione di questo incessante attaccamento alla terra e alle sue più antiche tradizioni. Non a caso Forio è uno dei pochissimi borghi italiani che ancora mantiene intatte le sue caratteristiche morfologiche originarie.

Romantiche Offerte Viaggi per San Valentino da Venere
Vincere un viaggio a Londra per 2 persone con Jupiter Ascending