Scopriamo Napoli in B&B tra storia, cultura e tradizioni millenarie

“Vedi Napoli e poi muori”. Non abbiate paura, è solo un modo di dire, non è che se visitate la capitale del Sud Italia, la città del sole e del mare, poi passate a miglior vita. Tutt’altro!
Paesaggio Napoli
Un proverbio magari un po’ lugubre, ma che riesce in maniera molto efficace a sottolineare la bellezza di una città ricca di storia, cultura e tradizioni millenarie; della serie, vista Napoli, tutto il resto è noia.

Quindi, senza ulteriori indugi, prenotate le vostre vacanze, immergetevi nelle stradine del centro storico della città partenopea, e non ve ne pentirete. Visitare Napoli, soprattutto in primavera, è una di quelle cose da fare almeno una volta nella vita, perché il clima mite e i profumi della città sono meravigliosi in questo periodo dell’anno.

Se state pensando di regalarvi un weekend fatto di arte, cultura, storia, e, soprattutto, ottimo cibo, affrettatevi a prenotare in uno dei numerosissimi bed & breakfast a Napoli, forse la soluzione migliore per pernottare nel capoluogo campano, anche perché la colazione sarà più che sufficiente visto che girare per la città senza pensare di restare fuori anche a pranzo e cena è veramente un’offesa all’antica e famosa cultura culinaria partenopea.

Non per cadere nei luoghi comuni, ma visitare Napoli e non mangiare la pizza, la pasta, prendere un buon caffè, una sfogliatella di Attanasio, è quasi inutile.


Come ogni metropoli, anche Napoli è caotica, rumorosa e stressante, ma offre così tanti luoghi da visitare che a fine giornata vi sentirete meglio. Prima abbiamo accennato al Centro Storico, divenuto nel 1995 patrimonio dell’umanità UNESCO. Stiamo parlando di un vero e proprio museo a cielo aperto, pieno di storia, monumenti, chiese, quartieri storici, palazzi antichi e sculture. Partendo dalla popolare Forcella, è possibile percorrere tutto il centro storico seguendo il percorso noto come “Spaccanapoli”, ovvero una strada che letteralmente divide la città in due. Da San Biagio dei Librai a San Gregorio Armeno, tempio del presepe tradizionale napoletano, dal Monastero di Santa Chiara, reso eterno dalla canzone omonima interpretata per la prima vola dal grande regista Vittorio De Sica nel 1945, a Piazza del Gesù, dove è possibile visitare la bellissima Chiesa del Gesù Nuovo, dove è custodito il corpo di san Giuseppe Moscati e le sue stanze private dove soggiornava, passando per Piazza San Domenico Maggiore. Sempre in Piazza del Gesù c’è il palazzo nel quale è stato girato l’episodio “I giocatori”, diretto e interpretato sempre da De Sica – innamorato della città partenopea – ne “L’Oro di Napoli”.

Ma le bellezze di Napoli non si limitano solo al Centro Storico, anche se solo per visitare quelle c’è bisogno di molto tempo. Il capoluogo campano è una delle città europee più ricche di storia, arte e cultura, dove letteralmente a ogni angolo di strada è possibile ammirare un monumento, una chiesa, un palazzo, un quartiere antico.


Da non perdere sono sicuramente il Duomo, dedicato a Santa Maria Assunta, la chiesa più importante di Napoli, sede dell’omonima arcidiocesi metropolitana, che ospita il battistero più antico d’Occidente, quello di San Giovanni in Fonte; Castel Sant’Elmo, un castello medievale situato sulla collina del Vomero, a circa 250 metri sul livello del mare, maestoso e imponente, che consentiva nell’antichità una vista totale della città, del porto, e delle strade; il Maschio Angioino, meno noto con il nome di Castel Nuovo, è un bellissimo castello medievale situato nei pressi di Piazza Municipio, a pochi passi dal mare.

Molto bello e scenografico, è uno dei simboli “da cartolina” della città; se amate lo shopping, non potete non attraversare il lunghissimo e ricco di negozi Corso Umberto I, chiamato anche “Rettifilo”, e la più “elegante” Via Toledo, pedonalizzata da qualche anno, dove potrete fare il cosiddetto “struscio”, magari mangiando un gelato, e fare acquisti nei negozi dei principali marchi di abbigliamento italiani e internazionali. Proseguendo lungo Via Toledo è possibile visitare i “Quartieri Spagnoli”, zona storica e caratteristica di Napoli, la bellissima Galleria Umberto I, all’interno della quale ci sono negozi di alta moda. E non finisce qui.

Uscendo da Via Toledo a pochi passi ci sono: il Real Teatro San Carlo, Via Santa Brigida, Via Riviera di Chiaia, e soprattutto, la piazza che tutto il mondo invidia. Piazza del Plebiscito, con l’imponente Basilica di San Francesco Di Paola, il Palazzo Salerno, destinato dal re Ferdinando IV all’alloggiamento dei cadetti reali, il Palazzo delle Prefettura, e il Palazzo Reale. A pochi passi, non poteva mancare il vero protagonista della città: il mare, e la vista del golfo, con il Vesuvio sullo sfondo.

Visitate Napoli, e quando la sera andrete a riposare nel vostro B&B, davanti agli occhi avrete ancora tutto lo splendore di una città che meriterebbe solo più rispetto, a partire dai suoi cittadini.

Articolo gentilmente scritto e curato per BookingLetters da Ciro Campanile.

Le fotografie di Napoli di sera (autore Lord Zarcon), di Castel Nuovo , della Galleria di Napoli e tutte le altre utilizzate in questo articolo, appartengono ai rispettivi autori e sono state rilasciate sotto licenza Creative Commons sul sito Wikimedia Commons.