Sant’Agata dei Goti il paesino di Si Accettano Miracoli

In provincia di Benevento, vediamo dove è stato girato il divertente film con Siani e De Luigi

L’ultima commedia di Alessandro Siano “Si Accettano Miracoli”, primo film del 2015 e fin da subito record di incassi, ha facilmente raggiunto il tutto esaurito in svariate sale cinematografiche, sopratutto e non a caso, a Napoli e nelle sue province.

La spassosissima e a tratti romantica storia è ambientata in un piccolo paesino dell’entroterra campano, fantasiosamente chiamato Rocca di Sotto, situato in proprio al di sopra del comune rivale chiamato in maniera paradossale Rocca di Sopra, entrambi situati verosimilmente nelle zone alte della costiera amalfitana.
Sant'Agata dei Goti - Rocca di Sotto nel film Si Accettano Miracoli
In realtà, maggior parte delle riprese sono state effettuate a Sant’Agata dei Goti, un antico paesino del beneventano, dove è possibile immergersi in un’atmosfera d’altri tempi.
Il piccolo comune in provincia di Benevento che conta circa 11.000 abitanti, sorge nella incantevole Valle Caudina, alle falde del monte Taburno, al confine con la provincia di Caserta.

Una delle location principali del set è stata sicuramente Piazza Umberto I, posto dove nel film prende vita la grande festa del patrono e che per l’occasione è decorata con grandi luminarie e bancarelle.
Per favorire le riprese altri luoghi sono stati provvisoriamente convertiti. Nella sede del Circolo Sociale ‘Saticula’ ad esempio è stato montato il bar dove è stata girata una delle scene più divertenti (in parte già svelata dal trailer), nella chiesetta adiacente l’ex seminario è stato allestito un albergo e i locali che si trovano sopra l’Ufficio Anagrafe sono stati sistemati in modo da poter fungere da Municipio.
Sant'Agata dei Goti - Piazza Umberto I in Si Accettano Miracoli
Già oggetto di visite turistiche è diventata la finta stazione di benzina posta all’altezza del ponte di Santa Lucia. Il manufatto che consiste semplicemente in una cabina per l’addetto e in due pompe di erogazione si trova tutt’oggi, ben visibile e facilmente identificabile, in una delle curve della strada per l’ospedale e per Frasso.
Passando per quelle parti, la tentazione di scattarsi un selfie diventa irrefrenabile!

Tornando ora alla realtà e alle bellezze offerte dal paese, questo oltre ad una serie di splendide ed antiche chiesette, vanta anche numerosi resti di epoca romana come cippi sepolcrali, iscrizioni e colonne.
Tutto ciò, insieme ai suoi meravigliosi paesaggi, ha contribuito nel novembre del 2012 a far entrare Sant’Agata dei Goti nell’associazione dei I borghi più belli d’Italia.

Da quasi un ventennio è inoltre diventata location di alcuni appuntamenti fissi ben graditi da tutti gli appassionati di enogastronomia. La sagra di San Silvestro, con la collaborazione dell’intera comunità parrocchiale, è una manifestazione che ha come scopo quello di rievocare gli antichi sapori di una volta dando ai visitatori la possibilità di visitare una bella mostra di attrezzi agricoli delle epoche passate. Il ricavato degli stand gastronomici viene devoluto interamente alla parrocchia che attraverso la figura del parroco e dell’assemblea dei cittadini di San Silvestro provvede ad investire nella struttura parrocchiale, arricchendola di anno in anno.
A fine agosto la Sagra di Gnocchi e Cavatelli permette di degustare le specialità uniche di questa terra con i suoi sapori inconfondibili e genuini, come la pasta fresca preparata secondo le tradizioni antiche, l’ottimo vino e i dolci preparati in casa.

Insomma Sant’Agata dei Goti è un paese tutto da scoprire, il quale, avendone modo, con i suoi svariati caratteristici agriturismi e B&B, merita assolutamente di essere incluso tra le tappe del nostro prossimo viaggio in Campania.