Cerchi un’auto in car sharing? Tre app ti aiutano a trovarle tutte

Fate parte di quella nicchia di popolazione che ha a cuore la mobilità sostenibile e si è già liberata del proprio usato inquinante tramite i nuovi servizi per vendere auto in un batter d’occhio?

Tre nuove app gratuite vi vengono in aiuto per risolvere tutte quelle situazioni in cui andare a piedi, con i mezzi o in bici non è praticabile.

Le app in questione si chiamano Carsh, EveryRide e Bat Sharing, e sono tre aggregatori di car sharing accessibili da smartphone ovvero mostrano in un’unica schermata tutte le vetture disponibili appartenenti ai vari servizi, ma non solo. Vediamole nel dettaglio.

Carsh: con Carsh è possibile visualizzare in una sola schermata l’offerta degli operatori di car-sharing presenti a Milano, Roma, Firenze, Napoli e Cagliari. Tutti i veicoli sono geolocalizzati tramite GPS ed è possibile controllare il loro status, ossia se sono liberi o già prenotati, quanta benzina è rimasta nel serbatoio e quanto distano dalla propria posizione. L’utente può inoltre filtrare i risultati per prezzo oppure cogliere al volo promozioni limitate con un solo click.

EveryRide: la app copre al momento i servizi di condivisione auto attivi a Milano, Roma, Firenze e Torino, cui si aggiungono quelli di bike sharing, ma anche i taxi. L’obiettivo è quello di fornire alle persone uno strumento efficace per gestire al meglio la mobilità personale facendo a meno di un’automobile di proprietà. Anche EveryRide consente l’impostazione di filtri personalizzati per individuare l’auto perfetta per le proprie esigenze. L’applicazione è disponibile per Android e iOS, presto tuttavia si potrà scaricare anche tramite Windows Phone.

Bat Sharing: proprio come il bat-segnale del supereroe pipistrello, Bat Sharing segnala le auto e le bici utilizzabili nelle proprie vicinanze nelle città di Milano, Roma e Firenze. Al pari delle due app precedenti, sfrutta la geolocalizzazione per segnalare tutte le opportunità in una sola mappa: impostando la notifica sonora, il sistema avverte quando si è vicini a una quattro ruote – o due ruote – libera.