Come e cosa serve per richiedere il Passaporto

Passaporto
Dallo scorso 24 giugno sono ufficialmente entrate in vigore le nuove normative per la richiesta ed il rinnovo del passaporto, con una serie di novità davvero interessanti.

La domande per il rilascio posono essere presentate presso le Qusture, gli uffici passaporti del commissariato di Pubblica Sicurezza o le stazioni dei Carabinieri, situati nel luogo di residenza o di domicilio.

Come apprendiamo dal sito della Polizia di Stato, alla domanda è necessario allegare la seguente documentazione:

  • Un documento di riconoscimento valido (suggeriamo di portare con sé, oltre all’originale, anche un fotocopia del documento).
  • 2 foto formato tessera identiche e recenti (chi indossa occhiali da vista può tenerli purché le lenti siano non colorate e la montatura non alteri la fisionomia del volto – inoltre lo sfondo della foto deve essere bianco).
  • Un contrassegno telematico da € 73,50 acquistabile come sempre nelle rivendite di valori bollati. L’importo è cambiato dal 24 Giugno 2014 con la conversione in Legge del decreto Irpef. Va acquistato per il rilascio del passaporto ordinario, incluso il rilascio a favore di minori.
  • La ricevuta di pagamento di € 42.50 per il passaporto ordinario. Leggi circolare Il versamento va effettuato esclusivamente mediante bollettino di conto corrente n. 67422808 intestato a: Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del tesoro.
  • La causale è: “importo per il rilascio del passaporto elettronico”. Vi consigliamo di utilizzare i bollettini pre-compilati distribuiti dagli uffici postali.
  • Per il rilascio di nuovo passaporto, a causa di deterioramento o scadenza di validità , con la documentazione deve essere consegnato il vecchio passaporto.
  • Ricordiamo infine di portare con sé anche la stampa della ricevuta che viene inviata dal sistema dopo la registrazione al sito Agenda passaporto.

D’ora in poi quindi, per richiedere il passaporto dovremo preventivare una spesa di €42,50 da versare tramite bollettino al Ministero dell’Economia e delle Finanze e una marca da bollo del valore di €73,50 per un totale di di €116.

Per maggiore chiarezza vi invitiamo a leggere l’articolo dal sito ufficiale della Polizia di Stato.